Può le vitamine oi minerali causare danni renali acuti?

I reni sono organismi a forma di fagiolo che sono essenzialmente il colosso del corpo. La loro funzione è quella di filtrare i prodotti di scarto e l’acqua in eccesso dal sangue. Secondo la National Clearinghouse delle malattie renali e delle malattie urologiche, i reni di una persona filtreranno attraverso 200 litri di sangue e 2 quarti di rifiuti e di acqua in eccesso. Danno acuto acuto o insufficienza renale è l’improvvisa incapacità dei reni di rimuovere e filtrare i rifiuti. Può essere causata da una varietà di condizioni e malattie diverse, come pure da alcune tossicità vitaminiche. Ci sono tre vitamine principali che sono, in molti modi, collegati tra loro e in alti livelli, possono contribuire a danneggiare i reni acuti.

Vitamina A

La vitamina A è essenziale per mantenere la pelle sana, i denti, i tessuti scheletrici, i tessuti molli e le membrane del muco nel tuo corpo. È responsabile della pigmentazione nella tua retina e aiuta nella visione. Il consiglio dell’Istituto di Medicina per l’alimentazione e la nutrizione consiglia un assunzione giornaliera di 700 microgrammi per le femmine adulte e 900 microgrammi per i maschi adulti. Troppa vitamina A, una condizione chiamata “ipervitaminosi A”, può provocare una serie di complicanze mediche, tra cui visione offuscata, dolore osseo, danni al fegato, guadagno di peso e vomito. La vitamina E eccessiva contribuisce anche a livelli eccessivamente elevati di calcio, che causano quindi danni ai reni.

Vitamina D

La vitamina D è una vitamina solubile in grassi che è essenziale per la salute delle ossa e la regolazione del calcio. La vitamina D è fatta attraverso l’esposizione della vostra pelle ai raggi ultravioletti B del sole. La tossicità della vitamina D è rara e di solito si verifica solo quando viene prescritta la dose di vitamina D ad alta dose. L’indennità giornaliera raccomandata per gli adulti di età inferiore ai 70 anni è di 600 unità internazionali e gli adulti oltre 70 devono ricevere 800 unità internazionali. Troppa vitamina D, o “ipervitaminosi D”, provoca livelli estremamente elevati di calcio nel sangue che possono portare a danni ai reni.

Calcio

Il calcio è un minerale essenziale per mantenere forti ossa e muscoli. La quantità giornaliera di calcio consigliata è di 1.000 milligrammi per i maschi adulti e di 1.200 milligrammi per le femmine adulte e può essere trovata in latte, yogurt, formaggio, cavolo, broccolo, grano e pesce. Troppo calcio, chiamato anche “ipercalcemia”, di solito si verifica a causa di troppo integrazione di calcio, secondo i National Institutes of Health. Troppo calcio nel sangue può causare costipazione, dolore al fianco del rene, sete frequente, minzione frequente, debolezza, dolore osseo e perdita di memoria. L’ipercalcemia può contribuire a depositi di calcio nei reni, insufficienza renale e calcoli renali.

Sodio

Il sodio è importante per mantenere un volume sano del sangue, con la giusta quantità di liquidi. I reni filtrano il sangue e lavorano per contribuire a mantenere l’equilibrio del fluido nel sangue. Troppo il sale può portare a troppo liquido e i reni devono lavorare di più per mantenere il tuo equilibrio fluido. Questo lavoro supplementare può indossare i reni e influenzare la loro capacità di funzionare. L’eccesso di assunzione di sodio porta anche ad alta pressione sanguigna, che può anche causare i vostri reni a lavorare più duramente. Se continui a mangiare troppo sodio, i reni si consumano nel corso del tempo, che porta alla malattia del rene secondo BloodPressure.UK. Anche se l’assunzione raccomandata di sodio per gli adulti sani è di 2.300 milligrammi al giorno, l’American Heart Association suggerisce di non avere più di 1.500 milligrammi al giorno.

Secondo i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, oltre la metà di tutti gli americani prende un certo numero di integratori vitaminici. Tuttavia, prima di iniziare a prendere integratori vitaminici, è importante discutere con il medico e determinare le dosi più sicure da assumere per evitare la tossicità di vitamina e minerale e le potenziali complicanze mediche.

considerazioni

Cause del dolore dopo la sostituzione dell’anca

Panoramica

La chirurgia del rimontaggio dell’anca è anche chiamata artroplastica totale dell’anca. Incluso nell’anca è un giunto a sfera e giunzione, che è fatta di osso. Nella chirurgia del rimontaggio dell’anca, il giunto a sfere e del giunto è sostituito con elementi a sfera e congiunti in materiale sintetico. Il giunto a sfera è in ceramica o in metallo, e la fodera del componente di socket è anche in ceramica o in metallo. Le sostituzioni dell’anca vengono eseguite per alleviare il dolore e migliorare la mobilità e la funzionalità dell’anca.

Frattura del collo del femore

Secondo il Bollettino dell’Ospedale NYU per le Malattie Comune, una frattura del collo femorale può svilupparsi dopo la sostituzione dell’anca, che può provocare dolore. Una frattura del collo femorale è una frattura nell’osso, appena sotto il giunto a sfera recentemente impiantato. Le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare una frattura del collo femorale, probabilmente a causa delle densità ossee inferiori rispetto ai maschi. Inoltre, l’obesità ha dimostrato di correlare ad un aumento del rischio di sviluppare una frattura del collo femorale.

Componenti allentamento

I componenti impiantati possono allentarsi e diventare fonte di dolore. Non vi è alcuna preoccupazione che l’usura sia un fattore di allentamento dei componenti. Il “Bollettino dell’Ospedale NYU per le Malattie Fisiologiche” osserva che l’incomparabilità del cemento è più probabile un fattore. Per qualsiasi motivo i componenti diventano sciolti, un impianto sciolto può essere una fonte di dolore.

ipersensibilità

L’ipersensibilità al metallo utilizzato in una sostituzione dell’anca può provocare dolore. Il dolore può derivare da una serie di condizioni diverse che sorgono a causa dell’ipersensibilità. Queste condizioni comprendono l’effusione articolare, che è un accumulo di liquidi fluidi e ingranditi, che sono sacchi pieni di fluido normalmente presenti.

impingement

L’impingement dell’anca può provocare dolore dopo l’intervento chirurgico di sostituzione dell’anca. L’impingemento dell’anca si verifica quando il moto normalmente liscio del giunto a sfera nella presa viene interrotto o la smussatura del movimento è compromessa. Ci sono un certo numero di fattori che possono aumentare il rischio di impingement dell’anca. Queste includono varie deformità del collo femorale.

Tecniche di bokken

Panoramica

La spada bokken, o legno di samurai, è un accompagnamento comune alla formazione kendo e kenjutsu. Formato da un singolo taglio di legno – tradizionalmente shiro kashi, o rovere bianco giapponese – il bokken consente agli studenti di scherma giapponese di praticare ed eseguire catas e tecniche di spada con relativa sicurezza. Sebbene sia tipicamente sostituito con una spada shinai o bambù, per scopi di sparring a pieno contatto, un bokken può costruire forze e sviluppare la destrezza per i professionisti che vogliono ottimizzare le loro tecniche di spada.

Tagli e colpi

A causa della sua somiglianza con la katana a lama curva, una spada progettata per le tecniche di taglio e taglio, gli attacchi primari utilizzati nella formazione bokken coinvolgono il taglio con la “lama” in legno. Il taglio primario utilizzato nella scuola della spada Itto-ryu Come un numero di altri dojos tradizionali giapponesi, comporta un singolo taglio in discesa consegnato al tuo avversario. Con entrambe le mani sulla maniglia del bokken – la tua mano secondaria, o non dominante, che stringe la mano in fondo alla maniglia – alza la tua spada direttamente sopra la tua testa in linea retta finché i gomiti non puntano verso l’alto. Rapidamente, ma con attenzione, rilasciare la lama verso il basso in un taglio dritto, visualizzando il percorso del bokken simmetricamente attraverso la meta del tuo obiettivo in una barra verticale. Altri tagli comprendono i tagli laterali, in cui si impugna la maniglia con una mano e si estendono verso l’esterno; attacchi a spinta, dove si punta il punto di bokken davanti a te, e tagli angolari, dove la tua visualizza la tua spada che entra nel collo Il tuo avversario e abbattere l’ascella.

blocchi

Mentre i bokkens a volte possono essere più resilienti nel bloccare gli scioperi rispetto alle lame di acciaio, che sono inclini a rottura e cracking, molti dei blocchi praticati in formazione bokken provengono da blocchi katana tradizionali. Il blocco primario nella formazione bokken solleva l’arco della lama in modo che punti verso l’alto direttamente sopra la testa, deviando tutti i tagli sovraccarichi che possono essere destinati al tronco o alla testa superiore. I blocchi laterali interrompano i tagli che possono essere rivolti al lato del corpo e possono essere manovrati con entrambe le mani sulla maniglia con la lama tenuta in verticale prima del corpo. Gli attacchi di spinta sono tra i più difficili da parare o deviare, poiché spesso sono più veloci di altri scioperi e quindi più difficili da prevedere. Sebbene più casuali rispetto ai blocchi laterali o sovraccarichi, i blocchi di spinta possono includere deviare la spada in arrivo con la lama del bokken come passo verso il fianco o se c’è una distanza sufficiente tra di voi e il tuo avversario, “tagliando” sulla lama come se Era un attacco, causando potenzialmente il tuo avversario a cadere il suo bokken.

Tecniche avanzate

Durante la prova delle tue capacità bokken nella formazione live, un certo numero di scioperi, blocchi e condizioni più avanzate si verificano naturalmente in combattimento. Ad esempio, quando si combatte un avversario con un personale di bo, polearm o un’altra arma a lungo raggio, il bokken può deviare l’estremità più lontana dell’arma del tuo avversario mentre si manovra rapidamente in combattimenti stretti. Quando si allena con due bokken, uno in ogni mano, sarete in grado di deviare o “intrappolare” l’arma del tuo avversario con una spada mentre l’altro si sposta per uno sciopero mirato. Quando si affronta un avversario che sta occupando un personale o un personale corto, è possibile intrappolare l’albero della loro arma sotto l’ascella in battaglia, effettivamente disarmarli. Le tecniche di combattimento bokken sono numerose e variegate come le tecniche della spada tradizionale e sono limitate solo dalla tua immaginazione.

Posso prendere l-carnitina mentre sulla medicina della pressione sanguigna?

Il tuo corpo fa un aminoacido chiamato L-carnitina nel fegato e nei reni e lo usa per trasformare il grasso in energia. Normalmente il tuo corpo può fare tutta la L-carnitina necessaria, ma alcune malattie cardiache o vascolari possono causare bassi livelli di L-carnitina nel corpo. Il tuo corpo potrebbe non essere in grado di produrre abbastanza L-carnitina o non può trasportarlo nel tessuto dove è usato. Consultare un medico curante prima di prendere integratori di L-carnitina.

L-carnitina e malattia

L-carnitina agisce come antiossidante, una sostanza che combina particelle nocive nel corpo chiamate radicali liberi. I radicali liberi – causati dal normale invecchiamento, l’esposizione agli inquinanti e alle tossine – possono causare danni alle cellule del corpo. La L-carnitina è utilizzata per una serie di malattie cardiache come insufficienza cardiaca e angina, dolore toracico, malattie vascolari periferiche e neuropatia diabetica. Può anche essere usato in malattie renali, malattia di Alzheimer e per impotenza maschile.

A proposito di L-Carnitina

La L-carnitina si trova in un certo numero di cibi, tra cui carni rosse, prodotti lattiero-caseari, pesci, pollame, frumento, asparagi, avocado e burro di arachidi. È inoltre disponibile in forma supplementare. La dose raccomandata è di solito da 1 a 3 grammi al giorno, secondo l’Università di Maryland Medical Center. Gli effetti collaterali di L-carnitina sono generalmente lievi. Le dosi superiori a 5 grammi al giorno possono causare diarrea, e di tanto in tanto avrà aumentato l’appetito, l’odore del corpo o un eruzione cutanea.

L-carnitina e ipertensione

L’alta pressione sanguigna, o l’ipertensione, è una condizione medica potenzialmente grave che può causare insufficienza cardiaca o ictus se non trattata. Il trattamento medico per l’ipertensione include solitamente cambiamenti di stile di vita come la dieta e l’esercizio fisico e possono anche includere farmaci. Molti farmaci sono usati per trattare l’ipertensione e lavorano in modi diversi. Diuretici riducono la pressione sanguigna diminuendo la quantità di fluido nel corpo. Altri farmaci dilatano i vasi sanguigni o modificano la chimica del corpo. La L-carnitina può anche diminuire la pressione sanguigna.

Ricerca

In uno studio del numero di giugno 2010 del “Journal of Physiology and Biochemistry”, la L-carnitina ha ridotto significativamente la pressione arteriosa nei ratti ipertensivi. Uno studio riportato nel numero di febbraio 2010 della rivista asiatica “Zhonghua Xin Xue Guan Bing Za Zhi” ha rilevato che i pazienti con ipertensione polmonare hanno avuto una significativa riduzione della pressione sanguigna e una migliore tolleranza all’esercizio quando somministrato L-carnitina per via endovenosa. La ricerca riportata nel numero di settembre 2009 di “ipertensione” ha trovato 1 grammo di L-carnitina somministrato due volte al giorno diminuendo la pressione sanguigna nei pazienti con un aumento del rischio cardiovascolare.

Anche se la L-carnitina ha relativamente pochi effetti collaterali, può abbassare la pressione sanguigna. Se stai prendendo anche un farmaco antipertensivo, l’aggiunta di L-carnitina potrebbe abbassare troppo la pressione sanguigna. Consultare un medico curante prima di iniziare a prendere L-carnitina, specialmente se stai già assumendo farmaci ad alta pressione sanguigna.

Considerazioni e avvertimenti

Colonscopia dopo gli effetti

Panoramica

Per i pazienti senza storia familiare di cancro del colon-retto, la screening di routine di colonscopia dovrebbe iniziare all’età di 50 anni, consiglia la National Clearinghouse Informazioni sulle malattie digestive. Durante questa procedura di test, un medico usa un sottile tubo illuminato chiamato colonoscopio per esaminare l’interno del colon. I pazienti devono essere a conoscenza della colonscopia dopo gli effetti prima di eseguire questa procedura diagnostica.

Bloccaggio addominale o disagio

I pazienti possono soffrire di gonfiore o disagio addominale come una colonscopia dopo l’effetto, avverte il dottor Mark Fagan alla Brown Medical School. Durante questa procedura, un medico pompa piccola quantità di aria nel colon di un paziente per consentirle di vedere l’interno di questo organo digestivo. Di conseguenza, i pazienti possono verificarsi crampi o gonfiori all’interno dell’addome per alcuni giorni finché tutta l’aria passa dal corpo. Raramente, alcuni pazienti possono verificarsi dolore addominale o dolore addominale o gonfiore dopo questa procedura. Le persone che sviluppano questi effetti secondari dovrebbero cercare assistenza da un medico.

Passaggio di sangue dall’ano

Dopo una colonscopia, i pazienti possono passare piccole quantità di sangue dall’ano che può essere visibile all’interno dei loro sgabelli o sulla carta igienica utilizzata per asciugare la regione anale dopo un movimento intestinale. Il sanguinamento anale può verificarsi quando un medico elimina piccole colture di tessuti, chiamati polipi, dall’interno dell’intestino durante una colonscopia. Tipicamente, sanguinamento anale in lieve e risolve senza ulteriori complicazioni, prende atto del database medico UpToDate. Se un medico elimina un polipo di grandi dimensioni dal colon, alcuni pazienti possono verificarsi un eccessivo sanguinamento anale o emorragie, un effetto successivo che richiede ulteriori valutazioni e cure da parte di un medico.

Strozzatura o danno

Come un medico passa un colonoscopio attraverso l’ano e il retto e nel colon, questo strumento può perturbare o danneggiare involontariamente un intestino del paziente. I pazienti affetti possono richiedere l’ospedalizzazione o l’intervento chirurgico per risolvere questa rara colonscopia dopo effetto, secondo Jackson Siegelbaum Gastroenterology. Il danno dell’intestino può aumentare il rischio di sviluppare la peritonite, una grave infezione batterica della cavità addominale che può causare febbre, nausea, vomito, dolore addominale e maggiore sete. Tali complicanze possono essere pericolose per la vita e richiedono assistenza medica di emergenza.

Cause di frequenti mal di testa e di stanchezza

Disidratazione

Le emicranie frequenti e la stanchezza possono essere causate da una serie di condizioni comuni. Secondo la Mayo Clinic, alcune delle condizioni comuni che possono causare frequenti mal di testa e stanchezza includono disidratazione, ipoglicemia – zucchero nel sangue basso e sindrome da stanchezza cronica. Se si verificano due o più emicranie a settimana, i mal di testa si aggravano o si è stanchi più del normale, contattare il proprio medico.

L’ipoglicemia

Se non bevi abbastanza acqua, si possono verificare frequenti mal di testa e attacchi cronici di stanchezza. Secondo la Mayo Clinic, la disidratazione si sviluppa quando il tuo corpo perde più liquidi di quanto non prenda. Se il tuo corpo non ha abbastanza acqua o fluidi per svolgere le sue funzioni normali, si possono verificare sintomi disidratati correlati. Altri sintomi includono bocca secca, sete, diminuzione della minzione, crampi muscolari e debolezza. Un segno visivo della disidratazione è il colore della tua urina. L’urina chiara o chiara significa che il corpo è ben idratato. L’urina scura, arancione o ambrata di solito significa che sei disidratato. Non avere abbastanza acqua e fluidi nel corpo possono avere gravi conseguenze. Motivi comuni di disidratazione può verificarsi eccesso di sudorazione, vomito o diarrea. La disidratazione da lieve a moderata può essere trattata semplicemente prendendo più fluidi. La grave disidratazione richiede l’idratazione endovenosa per fornire rapidamente liquidi e nutrienti essenziali al corpo.

Sindrome dell’affaticamento cronico

L’ipoglicemia si verifica quando il tuo corpo è basso sul glucosio – zucchero nel sangue. Secondo l’Università di Maryland Medical Center, alcuni dei principali casi di zucchero nel sangue basso si verificano quando non prendete abbastanza cibo, aumentate l’esercizio senza aumentare la quantità di calorie che prendi o prendi troppo l’insulina o il farmaco diabetico . I sintomi di ipoglicemia comprendono mal di testa, stanchezza, fame, rapida frequenza cardiaca e irritabilità. Se l’ipoglicemia non viene trattata troppo a lungo, si possono verificare sintomi più gravi, come sudorazione profonda, vertigini, svenimenti o perdita di coscienza. L’ipoglicemia ha il potenziale di essere fatale se lasciato indisturbato per lunghi periodi di tempo. Il trattamento tipico richiede che si ottiene il suo zucchero nel sangue al più presto ingestione dello zucchero sotto forma di caramelle, succhi di frutta o compresse di glucosio. Se sei diabetico, un’iniezione di glucagone può essere appropriata in determinate situazioni.

La sindrome da stanchezza cronica può causare frequenti mal di testa e stanchezza. Secondo la Mayo Clinic, nella maggior parte dei casi, la causa della sindrome da stanchezza cronica non è nota, ma è ampiamente accettata come grave condizione medica. La sindrome da stanchezza cronica è caratterizzata da una costante sensazione di stanchezza anche se si può avere abbastanza sonno o riposo. Alcune delle cause proposte per la sindrome da affaticamento cronico includono ipoglicemia, depressione e anemia. Il trattamento può includere l’attività quotidiana moderata, iniziare gradualmente una routine di esercizi e ottenere il trattamento per qualsiasi altra condizione che il medico possa sentire sta contribuendo al tuo caso di sindrome da affaticamento cronico.

Caratteristiche dell’abuso di sostanze

Panoramica

Le caratteristiche dell’abuso di sostanze possono essere molto vaghe o chiaramente evidenti. Non tutti coloro che usano un farmaco o una sostanza ne saranno addictati. Dipende dalla persona. Sapere che la persona, guardare le sue abitudini e osservare i cambiamenti nel comportamento (non importa quanto lieve) può essere la chiave per ottenere lui l’aiuto di cui ha bisogno se diventa addicted.

Problemi all’opera o alla scuola

Gli studenti che hanno generalmente buoni voti o dipendenti con una buona etica del lavoro che iniziano a fallire o perdere lavoro sono esposti segni di possibile abuso di sostanze. Gli atteggiamenti verso le persone in autorità possono cambiare. La mancanza di preoccupazione per la scarsa prestazione può anche indicare una dipendenza dall’alcool o da un’altra sostanza. Combattere le lotte e scontrarsi su piccole questioni che normalmente sarebbero state risolte con le cose che parlano sono anche indicatori forti.

Problemi di salute fisica

Irritabilità, battito cardiaco, mancanza (o quantità eccessive) di energia e confusione possono anche essere segni forti di una qualche forma di tossicodipendenza. Le emicranie inspiegabili e gli attacchi di nausea e diarrea che portano ad una perdita improvvisa di peso sono anche caratteristiche forti delle dipendenze di alcuni farmaci, tra cui metodi e anfetamine.

Cambiamenti nell’aspetto

Cambiamenti nell’aspetto possono essere segni di dipendenza. Una persona normalmente pulita e ben tenuta che improvvisamente smette di spazzolare i capelli o la doccia può avere una dipendenza. I cambiamenti possono essere lenti e si verificano durante un periodo di mesi. L’aumento della comparsa di negligenza seguirà con il modello e la gravità della dipendenza.

Cambiamenti in atteggiamento e comportamento

Le alterazioni dell’umore, le inibizioni ridotte e i drastici cambiamenti nell’atteggiamento possono essere bandiere rosse riguardo alle tossicodipendenze. L’incapacità di controllare il proprio temperamento quando una persona era stata lenta di rabbia nel passato è anche un segno di avvertimento. Parlare del suicidio o dell’isolamento auto-imposto può portare a comportamenti auto-distruttivi come taglio o dipendenze di droga.

Le persone che costantemente chiedono soldi e non hanno spiegazioni su dove sta andando o come lo spenderanno può avere una tossicodipendenza possibile. Se una persona è desiderata di un farmaco o presenta segni di ritiro, può diventare arrabbiato o violento se viene rifiutato il denaro necessario per acquistare i farmaci.

Impossibile mantenere o addebitare denaro

Mentire e rubare

Mentre si trovano dove sono stati o che fanno storie su ciò che stanno facendo, può essere una caratteristica indicativa di abuso di droga o alcool. Rubare da famiglia, amici e imprese può essere un modo per acquistare soldi per pagare i farmaci. Rubare possedimenti che possono essere venduti e mentire se hanno preso o meno gli articoli sono anche segni di dipendenza.

Malattie comuni del sistema scheletrico

Panoramica

Ossa, tendini, legamenti e cartilagine costituiscono il sistema scheletrico. La funzione primaria del sistema scheletrico fornisce il supporto per il corpo per mantenere la postura e il movimento. Il sistema scheletrico protegge gli organi interni come il cervello e il cuore. Le malattie che colpiscono il sistema scheletrico distruggono le ossa oi tessuti di collegamento che consentono al sistema di proteggere il corpo e funzionare correttamente. Le malattie del sistema scheletrico comune includono la borsite, l’artrite e l’osteoporosi.

Borsite

La Clinica Mayo indica luoghi comuni per la presenza di borsiti, incluse le spalle, i gomiti e le anche. La borsite è una condizione dolorosa che influenza l’ammortizzazione tra le ossa, i tendini ei muscoli nelle vicinanze delle articolazioni. L’infiammazione del bursae spesso causa dolore e rigidità nelle articolazioni. La borsite può verificarsi dopo un movimento ripetuto come lanciare una palla o il ciclismo. Nei casi lievi di borsiti si può verificare gonfiore. Gravi casi di borsite che durano più di due settimane richiedono un intervento medico con farmaci antinfiammatori e resto dell’area interessata. La borsite è un rischio per le persone coinvolte in movimenti ripetitivi come la posa in moquette o il giardinaggio e possono anche essere un rischio quando altre condizioni mediche si verificano contemporaneamente, come l’artrite.

Artrite

L’artrite è un disturbo articolare che provoca infiammazioni e dolori nella zona interessata. Ci sono diverse forme di artrite. La Fondazione Arthritis elenca i più comuni come osteoartrite e artrite reumatoide. L’osteoartrosi è una malattia articolare degenerativa cronica. La rottura della cartilagine in questa forma di artrite porta alle ossa che si sfregano insieme, causando rigidità, dolore e perdita di movimento nel giunto. L’artrite reumatoide, anche una malattia cronica, è caratterizzata da infiammazione nella fodera delle articolazioni. Entrambe le forme di artrite possono progredire e diventare debilitanti, causando perdita di normale funzionamento nella vita quotidiana. La causa dell’artrite è difficile da determinare. I fattori di rischio possono includere genetica, età, peso e precedenti lesioni alle articolazioni. Trattamenti per l’artrite includono farmaci, terapia fisica e possibili opzioni chirurgiche.

osteoporosi

L’Istituto nazionale di artrite e delle malattie muscoloscheletriche e della pelle (NIAMS) spiega che l’osteoporosi causa una bassa massa ossea e un deterioramento strutturale del tessuto osseo. Ciò aumenta la fragilità delle ossa e può essere prevenuta e trattata dopo l’insorgenza. Statistiche osteoporosi riportate da NIAMS indicano che le donne sono attualmente a rischio più elevato degli uomini per lo sviluppo di questa malattia a causa di fattori di rischio di piccole dimensioni e meno volume di tessuto osseo. Metodi semplici di prevenzione quali abitudini nutrizionali sane, aumento del calcio nella dieta e nell’esercizio fisico possono ridurre il rischio di sviluppare questa malattia. Il trattamento dell’osteoporosi comprende la pianificazione nutrizionale, l’esercizio fisico e la terapia ormonale.

Cause del dolore nervoso nell’anca e nella gamba

Stenosi del canale spinale

Molte condizioni possono causare dolore nervoso nell’anca e nella gamba. Secondo MedlinePlus, il dolore nervoso, noto anche come neuralgia, è dolore che segue il cammino di un nervo. Anche se la neuralgia può verificarsi in persone di tutte le età, gli individui anziani hanno maggiori probabilità di sviluppare questa condizione. Le cause del dolore nervoso sono diverse e talvolta molteplici. Il dolore nervoso è spesso affilato e scosso, anche se sensazioni di dolore profondo, dolorante o bruciore sono anche possibili.

Sindrome di Piriformis

La stenosi del canale spinale, o un restringimento del canale spinale, può causare dolore al nervo nell’anca e nella gamba. Secondo FamilyDoctor.org, malattie degenerative delle articolazioni o osteoartriti, traumi e usura generale sulle ossa e sulle articolazioni della colonna lombare o della parte inferiore della schiena possono causare un restringimento del canale spinale. Il canale spinale lombare è il foro o il canale attraverso il quale passano i nervi alle estremità inferiori. Nel tempo, l’osso ei tessuti intorno al canale possono crescere verso l’interno, riducendo la quantità di spazio in quello che è già un passaggio stretto. Se i nervi che attraversano il canale sono compressi o irritati, può causare dolore alla schiena, all’anca e alla gamba. I segni ei sintomi comuni associati alla stenosi del canale spinale lombare includono dolore e intorpidimento nell’estremità inferiore su uno o su entrambi i lati del corpo, debolezza delle gambe e, in casi gravi, alterazioni della funzione intestinale e vescicale.

Meralgia Paresthetica

La sindrome di Piriformis può causare dolore nervoso nell’anca e nella gamba. L’Universo della colonna vertebrale afferma che il muscolo piriformis corre dal sacro, o dalla base della colonna vertebrale, fino alla oscillazione della parte superiore del femore o della coscia. Il muscolo piriformis è un muscolo piatto a forma di pera che aiuta a spostare la coscia verso l’esterno. È un muscolo importante per le attività sportive, stabilizzando i fianchi e mantenendo una persona in posizione verticale. In alcuni individui, la piriforme subisce un danno di movimento ripetitivo, in cui diventa stretto. Il nervo sciatico corre direttamente sotto la piriformis o attraverso di esso, il che significa che un muscolo piriformis stretto può comprimere o irritare il nervo e provocare dolore legato al nervo per tutto l’anca e gamba affetti. Altri segni e sintomi comuni associati alla sindrome di piriformi includono il dolore dentro e intorno all’osso dell’anca esterna e il dolore al centro delle natiche coinvolte.

Meralgia paresthetica può causare dolore al nervo e sensazioni anomale nell’anca e nella gamba. Secondo MayoClinic.com, la meralgia paresthetica è una condizione che provoca dolori, intorpidimento e formicolio ardente nella parte esterna dell’anca o della coscia. Meralgia paresthetica è causata dalla compressione del nervo cutaneo femorale laterale, che fornisce sensazione alla pelle della gamba superiore. Numerosi fattori possono comprimere o influenzare questo nervo, inclusi vestiti stretti, obesità, gravidanza, traumi locali e determinate condizioni mediche, come il diabete. MayoClinic.com afferma che nella maggior parte dei casi la meralgia paresthetica risponde bene ai metodi di cura conservatori, come l’indossare indumenti più allentati, mantenere un peso sano e modificare le attività in modo appropriato. In casi gravi, un professionista sanitario qualificato può raccomandare altre opzioni di trattamento per alleviare il dolore o il disagio di meralgia paresthetica.

Benefici della vitamina e del selenio

Panoramica

La vitamina E è composta da composti solubili in grassi naturali che forniscono al corpo un significativo antiossidante. Un certo numero di vantaggi sono stati legati alla vitamina E, che si trova in molti cibi comuni, come mandorle, olio di germe di grano, semi di girasole e broccoli. È disponibile anche come integratore alimentare. Il selenio è una parte importante della salute generale. Il selenio minerale in traccia si combina con le proteine ​​per creare selenoproteine ​​che hanno dimostrato di avere importanti benefici cellulari. Gli alimenti quotidiani contengono selenio, tra cui tonno, manzo, tacchino, uova, riso e formaggio.

Vitamina E e malattia coronarica

Sulla base delle informazioni pubblicate in “Nutrition Moderato in Salute e Malattie”, un certo numero di studi “in vitro” hanno dimostrato che la vitamina E influenza l’ossidazione del colesterolo lipoproteico a bassa densità. Si ritiene che i nutrienti della vitamina E inibiscano questo processo, che non controllato può iniziare l’aterosclerosi, una malattia vascolare. Le donne sembrano trarre il meglio dalla supplementazione di routine di vitamina E. I dati di una relazione del 2005 di IM Lee e colleghi in “The Journal of American Medical Association” hanno indicato che una sperimentazione clinica con 40.000 donne sane di 45+ anni ha mostrato una riduzione del 24% dei tassi di mortalità cardiovascolari e le donne di 65 anni e oltre avevano Una diminuzione del 49 per cento, nonché una diminuzione del 26 per cento negli attacchi cardiaci non feriti. Alcune domande ancora circondano l’efficacia complessiva della vitamina E sulla malattia coronarica, comunque. La quantità di assunzione di routine di vitamina E è sotto controllo e troppo la vitamina E può non avere alcun effetto sulla malattia basata sugli Istituti Nazionali di Salute o NIH.

Vitamina E e Cancro

I dati di ricerca di un sommario epidemiologico del 1998 di J. M. Chan, et al., In “Seminari in Biologia del Cancro” indica che la vitamina E può avere un effetto positivo sulla lotta contro i tumori quali il seno o la prostata. Mentre gran parte della ricerca è ancora inconcludente e incoerente, gli antiossidanti della vitamina E hanno dimostrato di proteggere le cellule dai radicali liberi dannosi che possono essere cancerosi o aiutano nello sviluppo del cancro. Un altro beneficio per la vitamina E è la promozione di un sistema immunitario sano, necessario per proteggere il corpo da carcinogeni nocivi. Secondo il NIH, gli uomini che fumano e quelli che hanno rinunciato possono beneficiare della supplementazione della vitamina E, poiché i tassi di cancro alla prostata tra questo gruppo sono caduti drasticamente in uno studio dopo aver preso 400 UI di vitamina E ogni giorno.

Selenio e tiroide

La ricerca di H. Derumeaux e dei suoi colleghi pubblicata in “European Journal of Endocrinology” nel 2003 indica che il selenio può rallentare o arrestare l’allargamento della ghiandola tiroidea. Questa relazione tra il selenio e la tiroide è stata stabilita durante il tentativo dello studio di identificare se l’integrazione selenica può aiutare nella carenza di iodio, un fenomeno comune nei paesi in via di sviluppo. Iodio è necessario per la tiroide funzionare correttamente. Le persone che soffrono di una carenza di iodio sono a rischio per i problemi della tiroide, che è peggiorata da una carenza di selenio, secondo l’NIH. Livelli salutari di selenio beneficiano di una carenza di iodio e, a sua volta, prevenire i problemi della tiroide come i gatti.

Supplemento al selenio

Una dieta povera e una certa malattia sono state legate alla carenza di selenio. La malattia di Keshan si verifica nei bambini che soffrono di una carenza di selenio e di un cuore allargato, secondo il NIH. Ciò porta in genere alla cattiva funzione cardiaca e rende il corpo debole e suscettibile alla malattia. La somministrazione può aiutare a ripristinare i livelli di selenio nei pazienti e aiuti nell’assorbimento di sostanze nutritive essenziali. Il selenio può essere utile per promuovere la salute generale e potrebbe essere una chiave nella prevenzione del cancro. I risultati di ricerca riportati nel 2001 da G. F. Combs, Jr. in “Nutrition and Cancer” suggeriscono che i livelli aumentati dell’alimentazione raccomandata del selenio possono fornire effetti benefici per la salute. Tali risultati possono costringere una rivalutazione delle linee guida nutrizionali.